Recensione Lady Midnight Cassandra Clare


Buongiorno, lettori!Da qualche giorno ho finito Lady Midnight della Clare, e oggi ve ne parlo in una recensione non molto approfondita per evitare spoiler e anticipazioni di ogni tipo. In breve, ho adorato questo libro, e se dovessi paragonarlo ai volumi introduttivi delle altre due serie, lo posizionerei tra The Infernal Devices (che rimane per me la saga migliore) e The Mortal Instruments. 
P.s. Sono arrivata ieri a casa e qui come vi avevo anticipato non ho internet, ho programmato questo post ieri in treno ma per il resto non penso pubblicherò niente fino a martedì (quando rientrerò a bologna), quindi faccio in anticipo tanti auguri di buona pasqua a tutti ^^





Ho iniziato i libri di Shadowhunters nel 2012, Città di Ossa è stata una delle mie primissime letture young adults e mi ero completamente innamorata della storia che la Clare era riuscita a creare, nonostante i difetti che The Mortal Instruments presentava. Quello di Shadowhunters è uno dei mondi più particolari e affascinanti del genere, e sono felice che la Clare continui a dare a noi lettori la possibilità di esplorarlo con The Dark Artifices.

Lady Midnight mostra chiaramente l’evoluzione della Clare come scrittrice. Il suo stile è maturato così tanto da City of Bones e la storia che ci propone in questa nuova serie presenta sicuramente una delle trame più interessanti che abbia mai ideato. 
Molti lettori temevano che la Clare avrebbe scritto una storia banale e ripetitiva, limitandosi a mescolare elementi delle due serie precedenti in forma diversa. Ma in realtà Lady Midnight è estremamente diverso dagli altri libri: non è solo l’ambientazione e i personaggi a cambiare, perché nel romanzo vengono affrontati temi e situazioni mai esplorati prima, che aggiungono sempre maggior complessità al mondo Shadowhunters.

Quando ami delle persone, queste diventano parte di chi sei. Sono in ogni cosa che fai. Sono nell'aria che respiri e l'acqua che bevi e nel sangue nelle tue vene. E non pensi che siano perfetti, ma conosci i loro difetti, tutta la verità su di loro, l'ombra di tutti i loro segreti, e non ti spaventano; al contrario li ami ancora di più, perché non vuoi la perfezione. Vuoi loro.

E a proposito di questi, ammetto che come primo impatto Emma e Julian mi sono sembrati dei personaggi molto complessi e davvero ben caratterizzati, molto più che Clary e Jace in City of Bones. Ho innanzitutto apprezzato la scelta della Clare di introdurci a personaggi che fanno parte dal mondo Shadowhunters sin dalla nascita e darci dunque la possibilità di osservarlo da un nuovo punto di vista.
Non dirò molto sui protagonisti se non che li ho amati praticamente tutti, da Emma e Julian ai tanti fratelli di quest’ultimo. La Clare sa costruire personaggi perfettamente credibili e realistici e quelli di Lady Midnight non fanno eccezione.
Per quanto riguarda i temi affrontati in questo libro, devo dire che ho sempre voluto sapere di più del legame tra parabatai e sono felice che la Clare abbia deciso di esplorarlo in modo più approfondito. Ho anche apprezzato il modo in cui ci ha mostrato come la società dei Shadowhunters tratta le persone “diverse”, affrontando così l’argomento della salute mentale, dei pregiudizi e della discriminazione. 

Inoltre, e qui faccio una piccola parentesi, ho sempre adorato il modo in cui la Clare riesce a intrecciare le diverse storie tra di loro ed è qualcosa che riesce a fare benissimo anche in Lady Midnight. I vecchi protagonisti delle altre serie sono comunque presenti e anche se le loro storie “personali” si sono concluse, il solo fatto che continuano a comparire di tanto in tanto fa sembrare tutto, in questo mondo, perfettamente collegato. 

C'era del fascino nell'idea della libertà, ma era un'illusione. Ogni cuore umano è incatenato dall'amore.

Lady Midnight è stato sicuramente un ottimo volume introduttivo, e le mie aspettative per i prossimi volumi della serie sono ora altissime. Consiglio il libro a tutti i fan del mondo Shadowhunters (a patto che abbiate letto TMI e TID, perché vi sono spoiler ad ogni angolo) ^^


Difficoltà di lettura in lingua: medio-alta. Il libro è lungo circa 700 pagine, e in più lo stile della Clare non è affatto dei più semplici.


10 commenti

  1. Lo sto leggendo proprio in questi giorni e come te ho avuto l'impressione che Julian ed Emma siano dei personaggi estremamente complessi. E' fantastico essere tornati tra le mura di un Istituto e mi sto godendo ogni pagina... XD
    La Clare, poi, scrive divinamente *-* non vedo l'ora di continuare !!

    RispondiElimina
  2. Recensito anche io in settimana, ma letto in italiano.
    Concordo con te su tutto, Emma e Julian sono personaggi molto più complessi di Clary e Jace e l'evoluzione della Clare come scrittrice si nota nel fatto che questo libro è molto più di impatto perdendosi meno in scene e dialoghi inutili.
    Non vedo l'ora del prossimo!

    RispondiElimina
  3. Ancora non lo prendo ma sono curiosissima!! Le storie della Clare mi piacciono soprattutto per i suoi personaggi! L'evoluzione della Clare l'avevo già vista ne Le Origini che, infatti, ho apprezzato molto di più di TMI. Sono curiosa di sapere di più sul legame parabatai tra i due protagonisti anche se non penso che nessuno potrà mai superare quello di Will e Jem!

    RispondiElimina
  4. Sono proprio contenta di vedere che ti è piaciuto e che è stato all'altezza delle aspettative! Non vedo l'ora di iniziarlo questa sera *_*

    RispondiElimina
  5. Felice che ti sia piaciuto *_* io sono una di quelle che aveva timore che la storia fosse qualcosa di già visto, ma sono contenta che non sia così! TID è anche la mia saga preferita di Shadowhunters e se collochi TDA tra TID e TMI, le mie aspettative crescono a dismisura! Non vedo l'ora di leggerlo ❤

    RispondiElimina
  6. Sono contenta che ti sia piaciuto! Ammetto che anch'io mi sono chiesta cosa cavolo potesse tirar fuori la Clare stavolta ma da quello che hai scritto si preannuncia una bella storia (come sempre) e tra l'altro conto proprio di iniziarlo domani!

    RispondiElimina
  7. Volevo leggere i libri della Clare l'estate scorsa, ma via via l'interesse ha iniziato a diminuire drasticamente e nonostante le recensioni ottime per questa nuova serie sono ancora estremamente titubante, anche perché impegnarsi in una serie così lunga e ancora in corso al momento è qualcosa di impossibile praticamente.
    Tuttavia spero di ricredermi il prima possibile :)

    RispondiElimina
  8. Sto leggendo recensioni bellissime su Lady Midnight, non vedo l'ora di leggerlo anch'io e le aspettative sono sempre più alte!

    RispondiElimina
  9. Sto leggendo in questo momento Signora della mezzanotte, in inglese non ci tento neppure, sono totalmente una capra. Devo dire la verità, mi aspettavo qualcosa di diverso, ma visto che non sono ancora giunta al cuore pulsante della storia, non aprirò bocca! Un giga abbraccio!!!

    RispondiElimina
  10. Io e la Clare abbiamo un rapporto di amore/odio. Sto amando moltissimo TID, mi manca soltano il terzo volume da leggere e so già che sarà un fiume in piena di feelings, mentre TMI...mi sono fermata al primo volume e non so se ho voglia di riprenderla.
    Signora della Mezzanotte mi incuriosisce prima di tutto per questo rapporto tra Julian ed Emma, ma non avendo letto TMI, non so se potrò sopportare gli spoiler. Dovrò fare una lista di pro e contro, insomma ^^"

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)