Recensione Il Bacio della Morte Marta Palazzesi

Buonasera a tutti!Come promesso ecco la mia recensione non molto positiva di Il Bacio della Morte!Ho passato più di un'ora e mezza a lavorarci su e mi scuso in anticipo per la sua lunghezza, ma non sono riuscita davvero a scrivere di meno!




Titolo: Il bacio della morte
Autore: Marta Palazzesi
Editore: Giunti Y
Pagine: 384
Trama:
Quando hai diciotto anni, vivi nelle remote foreste della Romania e il tuo unico obiettivo è dare la caccia alle spietate creature che popolano il Mondo Sotterraneo, non puoi permetterti distrazioni. E questo Thea lo sa molto bene. Abile mezzo demone dotato del potere dei sogni, è una ragazza ribelle e irriverente. Ma quando riceve il pugnale con cui cacciare gli Azura, è più che determinata a impegnarsi fino in fondo negli allenamenti che la renderanno ufficialmente una Cacciatrice, mettendo da parte tutto il resto. Però non sempre le cose vanno come previsto e Thea si ritrova costretta non solo a combattere contro un nemico infido e crudele, ma anche a resistere al costante impulso di azzuffarsi col padre, dal quale ha ereditato i poteri da Incubo. Ma soprattutto deve cercare di contenere l’attrazione per il nuovo compagno di caccia, un affascinante mezzo Succubo dal passato oscuro. Inaspettate rivelazioni e inquietanti avvenimenti sconvolgeranno pericolosamente la vita di Thea, divisa tra il desiderio di seguire chi ama e compiere il proprio dovere. 


RECENSIONE:

Nelle ultime settimane abbiamo sentito parlare molto di Il bacio della morte. La Giunti lo ha pubblicizzato per mesi, e io ero davvero curiosissima di leggerlo. Le prime recensioni promettevano abbastanza bene, poi sono arrivate quelle negative, che hanno evidenziato alcune “somiglianze” con la serie L’Accademia dei vampiri.
Chi frequenta spesso questo blog saprà che la saga in questione è in assoluto una delle mie preferite che consiglio a tutti non appena se ne presenta l’occasione. Ho letto e adorato tutti i libri della Mead e mi sono innamorata follemente delle storie e dei personaggi da lei creati.

Dopo averlo letto, sono rimasta profondamente delusa da Il Bacio della morte. Inizialmente avevo aspettative molto alte, che però con tutte le recensioni negative trovate per il web si sono affievolite sempre di più. Ho iniziato il libro credendo che non mi sarebbe piaciuto a priori, ma si è rivelato anche peggio di quanto pensassi.

Prima di iniziare la recensione vera e propria però, devo fare una premessa. Questo è solo il semplice pensiero di una lettrice amareggiata e delusa che si sente presa in giro. Con questo post non voglio di certo offendere l’autrice o le persone a cui il libro è piaciuto, ma solo esprimere la mia opinione e spiegare il perché delle mie due stelline.Detto questo, andiamo avanti con la recensione =)

Sinceramente ho faticato molto ad andare avanti con la lettura. Ogni volta che si presentava un elemento uguale all’Accademia, mi innervosivo e volevo semplicemente chiudere il libro e non aprirlo mai più.
E’ vero che ci sono tantissimi romanzi, soprattutto nel genere YA, tutti praticamente uguali tra loro, e io sono la prima che se ne lamenta continuamente, ma finora non ho letto nessun romanzo che avesse preso “spunto” cosi tanto da un altro.
Molti hanno contestato le diverse critiche da parte dei fan dell’Accademia dicendo “anche Jennifer L.Armentrout ha copiato la saga della Mead, eppure l’adorate tutti”, ma questo è vero solo in parte. Inizialmente leggendo la serie Covenant anch’io ero amareggiata e delusa dalla Armentrout (come potete vedere dalla mia recensione, ci sono andata giù abbastanza pesante con lei), ma non ho mai nascosto il fatto che avesse creato un libro magnifico, indipendentemente dalle somiglianze con VA. Inoltre la Armentrout, come mi sono accorta andando avanti con i vari seguiti e spin-off, è partita dalla stessa idea di base della Mead, trasformandola e reinventandola completamente.

Questo, evidentemente, non è il caso della Palazzesi. Oltre al fatto che ha praticamente copiato (consapevolmente o inconsapevolmente) la trama, personaggi e ambientazione del primo, secondo e terzo libro dell’Accademia, non è riuscita a sviluppare nemmeno lontanamente, a parer mio, un libro come quelli della Mead e della Armentrout. Inoltre, mentre con i sequel della saga Covenant le somiglianze sono sparite del tutto, non credo che scompariranno anche con il seguito di Il Bacio della Morte. Già il titolo, Caccia di sangue, (Caccia di sangue, Promessa di sangue, non vi ricorda niente?) non lascia presagire nulla di buono.

Ma lasciamo stare le somiglianze, per quelle vi invito a leggere le recensioni di Denise e Isabella (qui e qui) che hanno scritto davvero due bellissimi post, e consideriamo il libro vero e proprio.
Sono molte le cose che non mi hanno affatto convinto, prima fra tutte l’ambientazione. Ora, vorrei tanto chiedere alla Palazzesi che senso abbia ambientare un libro in Romania senza lasciar mai uscire i personaggi dal palazzo in cui vivono.
Ero molto felice all’idea che il romanzo fosse ambientato in paese nuovo, con una cultura diversa dalla nostra e luoghi differenti dai soliti corridoi scolastici e campi da football. L’autrice aveva cosi tante possibilità, cosi tanti elementi innovativi da proporre, e invece non ha utilizzato minimamente la meravigliosa ambientazione che aveva a disposizione.

La mitologia presentata, in più, non regge affatto. Oltre ad essere identica a quella di VA, ho trovato gli Azura abbastanza insulsi. Sono perfettamente uguali ai demoni normali, l’unica cosa che li differenzia è che sono più forti, hanno delle unghie lunghissime e affilate, e sono difficili da uccidere. Anche qui l’autrice avrebbe potuto spaziare molto di più, e invece ha creato soltanto una versione banalizzata degli Strigoi.

Anche i personaggi sono più o meno una brutta copia di quelli di VA. Thea è stata definita forte, coraggiosa e divertente, ma sinceramente io non ho visto niente di tutto questo in lei. Avventata, maleducata e sempre con la voglia di tirare un pugno a qualcuno, Thea è forse il peggior personaggio del libro, e anche l’unica che l’autrice ha caratterizzato un po’. Gli altri personaggi infatti sono tutti piatti e, dopo solo due giorni dalla lettura del libro, ho già dimenticato la maggior parte di loro. Serena l’ho trovata abbastanza insipida, mentre i due protagonisti maschili, Damian e Alex non sono proprio riuscita a sopportarli.
Il fatto è che, nonostante volessi a tutti i costi giudicare il libro senza farmi influenzare dalle somiglianze con VA, non ho potuto fare a meno di non paragonare Damian e Alex con Dimitri e Adrian (che, come tutti i fan dell’Accademia sapranno, sono davvero inimitabili), inoltre sono cosi poco caratterizzati che mi è risultato davvero impossibile entrare in empatia con loro. Thea dice continuamente che sono entrambi bellissimi in almeno un centinaio di modi diversi, ma oltre a questo e alle loro abilità sappiamo ben poco di loro.

Unica cosa positiva è stato lo stile dell’autrice, scorrevole, semplice e piacevole. Mi dispiace che abbia voluto creare un’imitazione cosi spudorata dell’Accademia, perché sono certa che abbia le capacità per creare un libro bello e soprattutto originale.

2 stelline!


27 commenti:

  1. Condivido ogni parola. Una recensione davvero molto molto onesta ;)

    RispondiElimina
  2. mmm.bien..io non posso giudicare il bacio della morte perché non l'ho letto in più non ho nemmeno letto l'accademia, sono a 3/4 del primo, quindi non potrei fare paragoni. All'inizio, appena uscito il libro della Palazzesi non volevo leggerlo, perché credevo che sarebbe stato il solito YA, così ho lasciato perdere..poi dopo le prime recensioni non esttamente positive mi sono detta:ma dai vediamo un po' con i nostri occhi..ora invece sono tornata alla psizione iniziale, la lista di libri da leggere è infinita..preferisco dedicarmi a qualcos'altro. Tutti comunque concordano su una cosa: lo stile della palazzesi è piacevole e scrive bene..ecco magari aspetterò il suo prossimo romanzo con una storia diversa. grazie come sempre per aver condiviso..non lo dico abbastanza ..ma la condivisione è preziosa..
    una bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già anch'io sono curiosa di leggere altri suoi libri, spero non si fossilizzi su questa serie!

      Elimina
  3. Avevo già letto le recensioni di Isabella e Denise...la tua non fa che mantenermi nel proposito di evitare questa saga!! Inizialmente ero molto curiosa di leggerlo, ma dato che la mia lista di libri è già infinita, non ho tempo e soldi da spendere così!!:) Anche perchè ora che ho scoperto L'accademia dei vampiri preferisco di gran lunga andare avanti con questa saga!!*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono cosi felice che L'accademia ti sia piaciuto!Vedrai più si va avanti più migliora :D

      Elimina
  4. Prenotato in biblioteca. Non spero piu in nulla di buono ormai, ma forse vale la pena tentare anche solo per confermare la toppa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io avevo pensato la stessa cosa :)

      Elimina
  5. mi terrò ben lontana da questo libro!

    RispondiElimina
  6. Sono d'accordo su tutto.. peccato :(

    RispondiElimina
  7. Proprio come te anch'io ero molto curiosa di leggere questa serie, e anch'io avevo letto dapprima un paio di recensioni positive e dopo tante altre recensioni negative. Con la tua ho capito che non lo comprerò. So benissimo cosa vuol dire avere voglia di scaraventare un libro sul muro perché somiglia spudoratamente alla brutta copia di un altro che hai amato (proprio oggi ne parlavo con una lettrice), perciò piuttosto leggerò VA, anche se non è nella mia wishlist.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. VA devi assolutamente leggerlo!Sono sicura che lo adorerai :D

      Elimina
  8. ahi!!! leggerlo o non leggerlo? dubbio amletico! penso che prima o poi darò un'opportunità a questo libro anche per toccare con mano quanto dite sia tu che Denise che Isabella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti direi di evitarlo, ma la tua stessa ragione mi ha portato a leggerlo quanto prima XD

      Elimina
  9. Beh che altro dire se non che concordo? Quando ho saputo del titolo del secondo libro volevo ... boh non so cosa volevo fare °-° ma ero tipo ancora più allibita di prima D:
    Insomma, siamo stati in tanti a notare le *colpo di tosse* coincidenze... quindi perché insistere su quella linea? Boh '-'
    Comunque ti capisco in tutto e per tutto... anche io c'ho messo una vita a leggerlo... ogni volta che lo aprivo... ero fiduciosa di non trovare ulteriori copie... invece ogni volta c'era qualcosa! Quando poi Alex ha detto a Thea dei suoi poteri e dell'uccello che aveva accidentalmente curato volevo lanciare il kindle per la stanza XD aushuah povera me!
    Avevo deciso che non avrei letto il seguito, ma poi una ragazza mi ha fatto riflettere sulla cosa °-°
    E se è davvero copiato pure quello? D: non leggendolo noi che abbiamo schifato questo... poi avrebbe solo recensioni positive... mah XD mi sa che mi sforzerò! Per la Mead questo e altro LOL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahh il fatto dell'uccello mi ha fatto innervosire tantissimo!
      Anch'io penso che leggerò il seguito, nonostante tutto!

      Elimina
  10. sai già quanto anche io amo VA e quanto aspetto che si decidano a pubblicare gli ultimi due libri!!! pertanto mi spiace che questa autrice italiana abbia in qualche modo avuto le stesse idee e reso il proprio libro simile ad un libro tanto conosciuto ed amato, di certo non ha giocato a suo favore.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, mi stupisco di come la giunti abbia pubblicato un libro simile!Mi sembra ovvio che i lettori siano rimasti sconvolti da tutte le somiglianze con VA!

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Allora sono d'accordo con te su tutto.
    Per me è stata una tremenda delusione, soprattutto per tutta la campagna pubblicitaria, è stato presentato come libro dell'anno.
    Io non capisco, ci sono davvero autori che vengono snobbati, ed hanno talento creano storie davvero originali, per poi pubblicare una storia del genere, una scopiazzatura, non so, mi sono sentita davvero presa in giro. Ed è una brutta sensazione.
    Che poi non ho capito tutte le recensioni super positive, e soprattutto le fan di questo libro che attaccano e anche pesantemente chi non ha lo stesso pensiero.
    Non tutti possono aver letto VA, ma comunque è un libro senza spessore, dove non succede praticamente niente, non viene usufruita la bellissima ambientazione, pochissima azione. Per non parlare della maleducazione della protagonista.
    Avevo deciso di non leggere il continuo, poi da Denise ho appreso il titolo del continuo "Caccia di sangue", (che poi secondo me il titolo non c'entra nulla con i Demoni), rimanda al 4° libro dell'accademia, sicuramente troviamo anche li la scopiazzatura. Che poi avevo letto in un'intervista, che l'autrice aveva mandato sia il primo che il secondo libro, alla casa editrice, quindi credo che siano stati scritti uno dietro l'altro, quindi ci sono alte probabilità che ci siano "coincidenze".
    Non voglio che in giro ci siano solo recensioni da 5 stelline, quindi leggerò il secondo per denunciare le prossime scopiazzature, perchè non si può infangare una delle mie saghe preferite in questo modo.
    Anche a me lo stile dell'autrice mi è piaciuto molto, forse deve essere appena più descrittiva, ma comunque è buono. Un vero peccato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La penso esattamente come te!Con tutti gli autori esordienti che ci sono, le CE vanno a pubblicare imitazioni?
      Anch'io leggerò il secondo, se ci sono scopiazzature anche lì si deve assolutamente far sapere!

      Elimina
  13. Sono con te, Juliette. Concordo al 100% su ogni singola frase :) Spero comunque in qualcosa di diverso per il seguito perché, boh, quando un romanzo non mi piace sono sempre curiosa di vedere se riuscirà a riscattarsi in futuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già anch'io leggerò il seguito, anche se dubito che migliorerà :(

      Elimina
  14. mmm...altro parere negativo su questo libro /:
    peccato...però dalle molte recensioni che ho letto e che condividevano gli stessi giudizi, non credo lo leggerò.

    RispondiElimina
  15. Aspetta... davvero il seguito si chiamerà "Caccia di sangue"? Questa notizia non mi era ancora arrivata, questo vuol dire che dovremo aspettarci una copia di Promessa di Sangue? No, almeno così sono già preparata psicologicamente, nonostante tutto ho intenzione di continuare a leggere questa serie, tanto per vedere se Marta Palazzesi ha intenzione di smentirci tutte.
    Che dire, concordo in pieno con la tua recensione. Libro scialbo e dimenticabile già di per sé, con tutte le somiglianze con VA diventa anche peggio. Boh, io sono ancora qui a chiedermi come pensassero di fare fessi tutti noi lettori.

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)