Recensione I Was Here Gayle Forman

Buon sabato a tutti, lettori!Oggi vi propongo la recensione del nuovo romanzo di Gayle Forman, I Was Here!Stranamente, questo libro mi è piaciuto, e anche tanto. Non pensavo che dopo If I stay la Forman sarebbe stata in grado di conquistarmi ancora, e invece I Was Here si è rivelata per certi aspetti una lettura anche più bella del suo primo romanzo. Non so bene se si possa parlare di New Adult, ma nel caso questo è sicuramente uno dei migliori titoli del genere in circolazione. Consigliatissimo!


I Was Here




Titolo: I Was Here
Autore: Gayle Forman
Editore: Viking Junevile
Pagine: 288
Data di uscita: 27 gennaio 2015
Trama:
Quando la sua migliore amica Meg beve una fialetta di detergente chimico, Cody è scioccata e devastata. Lei e Meg condividevano tutto-come ha fatto a non vedere i segni?Quando Cody decide di andare alla cittadina dove Meg andava al college per liberare l'appartamento dalle sue cose, scopre che Meg nascondeva tanti segreti. Segreti sui suoi nuovi amici, persone che Cody non avrebbe mai incontrato nella piccola cittadina di Washington. Su Ben McAllister, il ragazzo con la chitarra che ha spezzato il cuore di Meg. E su un file codificato che mette in discussione tutto ciò che Cody pensava di sapere sulla sua migliore amica.





Come non puoi sapere una cosa del genere della tua migliore amica?Anche se non te lo dice, come puoi non saperlo?Come puoi credere che qualcuno sia la persona più magica e sorprendente che tu abbia mai conosciuto, quando si scopre che soffriva cosi tanto che ha dovuto bere del veleno per fermare il dolore?

Meg e Cody sono migliore amiche da sempre. Cody conosce Meg meglio di chiunque altro. O almeno, è quello che Cody pensa fino al giorno in cui Meg non decide di suicidarsi lasciando nient'altro che una sfilza di email di addio. Improvvisamente, Cody realizza che la sua migliore amica nascondeva molti più segreti di quanto lei avesse mai potuto immaginare, e la chiave per rivelarli tutti si trova nella piccola cittadina in cui Meg andava al college. Qui Cody inizia un viaggio alla ricerca della verità sulla ragazza che era veramente Meg, sul suo passato e sul perché della sua morte. 

Premetto che quando ho iniziato il libro avevo aspettative bassissime, Just One Day non mi aveva esattamente conquistato e pensavo che anche I Was Here si rivelasse l'ennesimo New Adult inutile e banale. E invece in questo libro ho ritrovato l'autrice che avevo imparato ad amare con If I stay, l'autrice capace di scrivere storie piene di emozioni e che arrivano al cuore del lettore fin dalla prima pagina. 


Delle volte incontriamo delle persone ed è come se entrassimo in simbiosi con loro, come se fossimo una sola persona, con una sola mente, e un solo destino.

Non è un libro facile da leggere, sia per le tematiche che affronta sia per l'atmosfera estremamente malinconica che si respira in ogni pagina. Allo stesso tempo però la storia di Cody trasmette tanta speranza e tanti messaggi importanti, e non posso che apprezzare il modo in cui la Forman ha affrontato un argomento cosi delicato e complesso.
"I Was Here" by Gail Forman

Cody ha sempre avuto Meg al suo fianco, ha sempre potuto contare su di lei e non ha mai pensato che la sua migliore amica potesse decidere di scomparire da un giorno l'altro, stravolgendo completamente la vita di tutte le persone che la amavano. Una piccola parte di Cody non può fare a meno di sentirsi in colpa per la morte di Meg, di chiedersi come non ha potuto accorgersi che qualcosa non andava, cosa avrebbe potuto fare se avesse capito che la sua amica stava male, se sarebbe riuscita a salvarla se solo avesse saputo.

Cody è un personaggio che, almeno all'inizio, risulta difficile comprendere. Il dolore per la morte di Meg l'ha portata a isolarsi sempre di più dagli altri, ad aggrapparsi alle piccole tracce che l'amica ha lasciato prima di andarsene, ed è solo nel momento in cui scopre la verità che Cody sarà capace di prendere atto della scelta di Meg e accettarla per quello che è.
Per quanto riguarda il romance, ammetto che ci sono alcune cose che la Forman avrebbe potuto evitare, ma nel complesso mi è piaciuto il modo in cui è stato sviluppato. Ben è un personaggio molto interessante, e nonostante venga introdotto come "il musicista che ha spezzato il cuore di Meg", nel corso della storia scopriamo come sia in realtà molto diverso dal classico cattivo ragazzo di turno. Altra cosa che ho particolarmente apprezzato è stato l'evolversi della sua relazione con Cody, che la Forman ha reso perfettamente credibile e realistica. 


I Was Here è stata una lettura intensa, che commuove e che si fa amare con la sua prosa evocativa e i suoi personaggi profondamente umani e imperfetti. Dopo If I stay, è probabilmente il mio preferito tra i libri della Forman.


Difficoltà in lingua: bassa

3 commenti:

  1. Leggendo la tua recensione per certi versi mi ha ricordato Cercando Alaska anche se in generale la trama è diversa. Comunque mi piacerebbe leggere qualcosa di questa autrice! if I stay è in wishlist da tantissimo tempo, devo solo trovare il momento adatto per leggerlo ^^

    RispondiElimina
  2. Sto aspettando pazientemente il paperback per farlo coordinare con If I Stay e Where she went. *w*
    Hai scritto una bella recensione, Juliette - as always.

    RispondiElimina
  3. Non ho letto ancora nulla della Forman, ci credi? Ci credi? Be' credici è così, e mi sento uno schifo perché tutti ne parlano bene *sigh*! PERDONAMI, MONDO.

    Recensione meravigliosa, congrats :')

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)