Recensione Me and Earl and The Dying Girl Jesse Andrews

Buon sabato a tutti, lettori!Proprio ieri ho finito di leggere Me and Earl and the Dying Girl, di cui vi avevo presentato un estratto nella rubrica From The TBR Pile, e oggi ve ne propongo la recensione!
Questo libro è un Young Adult decisamente particolare e che affronta il tema della morte con un'ironia e un'onestà che non ho potuto fare a meno di apprezzare sin dalla prima pagina!Si tratta di una storia davvero originale, e anche se non è esattamente adatta a tutti i tipi di lettori, la consiglio a chiunque sia alla ricerca di qualcosa di leggero e divertente!

Me and Earl and the Dying Girl






Titolo: Me and Earl and the Dying Girl
Autore: Jesse Andrews
Editore: Amulet Books
Data di uscita: 1 marzo 2012
Pagine: 295
Trama:
Greg Gaines è diventato un maestro di spionaggio scolastico, capace di scomparire in qualsiasi ambiente sociale. Ha solo un amico, Earl, e insieme passano il tempo facendo film, le loro incomprensibili versioni dei classici cult di Coppola e Herzog.Fino a quando sua madre non lo costringe a riprendere la sua amicizia d'infanzia con Rachel.Rachel è stata diagnosticata di lecuemia, ma un mandato genitoriale è stato emanato e deve essere obbedito.Quando Rachel abbandona le cure, Greg e Earl decidono che la cosa da fare è un film su di lei, che si rivela il Peggior Film Mai Fatto e cambia ognuna delle loro vite.E improvvisamente Greg deve abbandonare l'invisibilità e diventare il centro d'attenzione.



Il mio punto è questo: questo libro contiene precisamente zero Lezioni di vita importanti, o Poco conosciuti fatti sull'amore, o Momenti in cui realizziamo di aver lasciato l'infanzia alle spalle. E, al contrario di molti libri in cui una ragazza si ammala di cancro, non ci sono zuccherosi paragrafi di una frase che sei portato a pensare siano profondi solo perché sono scritti in formato Italics.

Me and Earl and The Dying Girl è sicuramente uno dei libri più strani che abbia mai letto. Anche dopo aver letto la trama e la premessa dell'autore, in cui affermava chiaramente che si trattava di un libro decisamente diverso dalla normale fiction contemporanea, ero sicura che alla fine questo romanzo si sarebbe rivelato una lettura triste e commovente, e che forse mi avrebbe anche fatto versare qualche lacrima nelle ultime pagine.

E invece mi sbagliavo completamente. 
Si tratta un libro divertente e pieno di ironia, con parti scritte come una sceneggiatura, elenchi, liste, note ai margini e commenti sarcastici del protagonista sparsi per i capitoli che vi faranno sorridere più o meno ogni cinque minuti. Al tempo stesso però è un libro estremamente onesto, e non può fare a meno di distinguersi dagli altri romanzi per il suo modo di descrivere i fatti cosi come accadono nella realtà, senza nessun happy ending, senza nessuna improvvisa rivelazione sulla vita o una riflessione filosofica sulla morte.

Se dopo aver letto questo libro vieni a casa mia e mi uccidi brutalmente, non te ne faccio nessuna colpa.


Journal d'un LoserNon è un libro che cerca a tutti i costi di spingerti a riflettere e a cercare un significato in ogni cosa negativa che accade, ma soprattutto non è un libro che si pone come unico obiettivo quello di farti commuovere.
Ho letto un po' di romanzi che hanno come tema il cancro o in generale la malattia, e per quanto meravigliosi possano essere stati, peccano quasi tutti
di uno sforzo eccessivo di condurti necessariamente alle lacrime e alla riflessione, e di insegnarti qualcosa entro l'ultimo capitolo.


Me and Earl and The Dying Girl invece ha come unico scopo, oltre al farti morire dal ridere, quello di spingerti a capire che cose brutte accadono inevitabilmente e che non sempre c'è un insegnamento, una lezione di vita, che puoi ricavare da esse. A volte accadono e basta, e questo l'autore ce lo dice con un'onestà disarmante, un'onestà che è forse ciò che ho più apprezzato dell'intero libro.


Mamma mi stava chiedendo di riesumare un'amicizia che non aveva nessuna base e che era finita in termini molto imbarazzanti. Come fai una cosa del genere?Non puoi.

Greg è un comune adolescente che cerca di farsi strada in quell'inferno chiamato liceo. E' amico di tutti e, al tempo stesso, non ha nessuno amico su cui può contare veramente ad eccezione di Earl, con il quale condivide la passione di girare film. Tutto cambia quando sua madre lo costringe a riavvicinarsi ad una sua amica d'infanzia, Rachel, che si è da poco ammalata di cancro. Greg inizia cosi a visitare sempre più spesso Rachel e a riprendere una sorta di amicizia con lei, il tutto mentre affronta la scuola, la famiglia e il suo futuro incerto.

Alle ragazze piacciono ragazzi belli, e io non sono molto bello. Infatti, assomiglio un po' ad un budino.

Ich und Earl und das sterbende Mädchen: Roman (Heyne fliegt) (German Edition)
Greg è davvero un normalissimo adolescente. Non è bello, non è intelligente, non ha nessun particolare talento o passione tranne quella del girare film, alla quale non è nemmeno molto bravo. Quando inizia a riprendere la sua amicizia con Rachel, non è mosso da particolari ragioni se non il fatto che sua madre glielo ha praticamente imposto, e ribadisce più volte il fatto che, se ne avesse la possibilità, ignorerebbe l'intera faccenda e Rachel, con la quale non parla da anni. 

Ciò che mi è piaciuto di più di Greg è, oltre alla sua perenne ironia, il fatto che fosse cosi modesto e duro con se stesso per tutto l'arco del libro, parlando costantemente di quanto fosse brutto e grasso e di come non si stesse comportando da vero amico con Rachel, quando invece faceva di tutto per farla ridere anche nei momenti meno opportuni. 
In realtà quell'amicizia che Greg non considera nemmeno una vera e propria amicizia significherà per lui molto più di quanto si aspettasse, e condizionerà inevitabilmente sia la sua vita che il suo futuro.
Il tema centrale del libro, per quanto possa sembrare Rachel e la sua malattia, si rivela essere alla fine proprio la ricerca da parte di Greg della sua identità e di ciò che davvero vuole fare della sua vita, il tutto mentre esce  dal suo stato di costante "invisibilità" per affrontare la morte della sua amica.

Ho adorato la sua amicizia con Earl, un amico decisamente fuori dal comune. Anche lui è estremamente divertente e non può fare a meno di dire sempre ciò che gli passa per la testa, e a volte risulta anche più sensibile di Greg riguardo la situazione di Rachel, anche se non abbandona mai quell'atteggiamento da duro, cosi opposto alla personalità del protagonista, che rende il loro duo una delle coppie di amici più riuscite degli ultimi tempi.

Me and Earl and The Dying Girl è una lettura leggera e divertente, ma non è un libro per tutti.

Se cercate una storia che vi faccia commuovere o riflettere, lasciate perdere questo romanzo. Ma se cercate una lettura che vi faccia ridere e che vi permetta di lanciare uno sguardo nella testa di un comune adolescente alle prese con la vita, allora Me and Earl and The Dying Girl è decisamente il libro giusto per voi!



19 commenti

  1. Che bella recensione, Jul *^*
    Non so perché, ma dal primo momento in cui ho visto la cover ho pensato che avrei adorato questo libro a prescindere... e da come ne hai parlato, confermo! Sono sicura che potrebbe piacermi :D
    E poi il fatto che non abbia per forza lo scopo di commuovere o di insegnare qualcosa, ma che sia nudo e crudo non mi dispiace affatto! Ci farò un pensierino *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Deni!Anche a me è successo lo stesso, ero sicura che mi sarebbe piaciuto!Poi la cover è troppo bella *__*

      Elimina
  2. Risposte
    1. E' davvero una lettura fantastica, Ilenia :)

      Elimina
  3. Sembra davvero carinissimo! Non avevo mai letto una recensione, ci farò un pensierino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già non è molto conosciuto, ma merita assolutamente di essere letto!

      Elimina
  4. Bella recensione!! :D Penso proprio potrebbe piacermi da come ne hai parlato!! :D In wishlist c'è già...ora devo solo trovare l'occasione di leggerlo!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariki!Anch'io sono sicura che potrebbe piacerti! ;)

      Elimina
  5. Wow, non vedo l'ora di leggerlo!! Qualcosa finalmente di originale e diverso dal solito! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggilo presto, Frannie!E poi fammi sapere cosa ne pensi! ;)

      Elimina
  6. Anch'io pensavo che fosse il solito libro strappalacrime, ma dalla tua recensione ho capito che non è così!
    Sicuramente lo leggerò, soprattutto perché ho bisogni di farmi qualche risata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei alla ricerca di risate allora è davvero il libro perfetto! :)

      Elimina
  7. Mi hai incuriosito ancora di più con questa recensione! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicura che lo adoreresti, William! ;)

      Elimina
  8. Bella recensione, lo metterò in WL perché mi hai incuriosita moltissimo!

    RispondiElimina
  9. La cover di questo romanzo è geniale. Spettacolare *.*
    Con una trama così è difficile immaginare che possa essere divertente, ma mi intriga l'idea e farsi qualche risata non fa mai male :3

    RispondiElimina
  10. Ho sentito parlare benissimo di questo libro dalla booktuber Raeleen di padfootandprongs e, dopo aver letto anche la tua recensione, ammetto di non essermi fatta ancora un'idea precisa su questo libro...mi piacerà, non mi piacerà?
    La tua recensione mi è piaciuta, e mi piace anche il fatto che nonostante abbia la parola "morire" in copertina, il libro sembri essere tutto fuorché triste e commovente.

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)