Recensione Il Dono delle Furie Elizabeth Miles



Titolo: Il Dono delle Furie
Autore: Elizabeth Miles
Editore: Nord
Trama:
Tre ragazze bellissime, tre ragazze dal sorriso indecifrabile e dallo sguardo ipnotico cui è impossibile resistere: in un piccolo paese come Ascension, non sorprende che la notizia del loro arrivo sia sulla bocca di tutti. Soprattutto per il mistero che le circonda: nessuno le ha mai viste prima, nessuno sa dove vivano. E nessuno immagina che quelle tre splendide fanciulle, invece, conoscono i segreti di ogni abitante della città. Come il vero volto di Chase Singer, l’astro nascente della squadra di football: dietro la maschera da bravo ragazzo, infatti, si nasconde una persona che, per raggiungere il successo, non ha esitato a calpestare i sentimenti della ragazza che amava, distruggendole l’esistenza. Come la relazione che, da qualche tempo, Emily ha col fidanzato della sua migliore amica, una relazione che nessuno avrebbe mai dovuto scoprire. Ecco perché Chase riceve in regalo un’orchidea rossa ed Emily ne trova una identica sul sedile dell’auto. È un avvertimento. È il dono che segna il destino di chi deve pagare per le proprie colpe. È il dono delle Furie… 




Il Dono delle Furie è stata una vera e propria sorpresa, ma non nel senso positivo del termine. Non posso dire che è un libro che mi ha deluso completamente, perché la storia tutto sommato non è male, ma non è decisamente quello che mi aspettavo.


Il titolo, la cover, la trama...sono tutti elementi che preannunciano un gran bel libro tutto incentrato sulle figure mitologiche delle Furie, giusto?
Ebbene, la presenza di queste creature è stata davvero marginale, praticamente inesistente se non per qualche pagina (pagina, nemmeno capitolo!) quà e là in cui uno dei due protagonisti interagisce con queste Furie. 

Innanzitutto, la cosa che mi ha più sorpreso, e anche più deluso, è stata la narrazione dal punto di vista, non delle Furie, come mi aspettavo, ma delle vittime, Chase ed Emily. 
I due ragazzi infatti, avendo compiuto azioni non proprio positive, hanno scatenato l'ira delle Furie, arrivate ad Ascension proprio per vendicarsi, e punire Chase ed Emily, in modo, a parer mio, a dir poco esagerato.

Ma andiamo con ordine. La scelta di narrare dal punto di vista di Chase ed Emily, in terza persona poi, mi ha lasciato un pò perplessa, e l'ho trovata una mossa non molto intelligente da parte dell'autrice, che avendo a disposizione un'idea di base cosi originale e innovativa (fino ad ora l'unico libro che conosco in cui compaiono le Furie è Starcrossed, ma lì hanno un ruolo davvero marginale), avrebbe conquistato con il suo libro molti più lettori se avesse approfondito meglio queste misteriose creature.

Seguendo solo le azioni di Chase ed Emily siamo all'oscuro di tutto per la maggior parte del libro, e non capire cosa succede per centinaia di pagine, non irrita solo i protagonisti, ma anche noi lettori!
Fino a pagina 240 o giu di lì, non sono riuscita a capire dove volesse andare a parare l'autrice, e anche quando abbiamo ottenuto una misera spiegazione su chi sono le Furie e cosa fanno (spiegazioni che, tra l'altro, avremmo potuto facilmente trovare tutti su internet o su un qualunuqe libro di mitologia), non ho ben compreso il senso della storia.

La terza persona poi è stata una scelta forse ancor peggiore di quella dei POV. 
Già la narrazione da parte delle vittime ci fa entrare difficilmente nella storia, se poi ci aggiungi anche la terza persona...

Altra cosa che mi ha deluso, come ho già anticipato prima, è il modo in cui l'autrice ha sviluppato, o per niente sviluppato, l'argomento principale del libro, le Furie.
Per tutta la durata della lettura continuavo a chiedermi quando comparissero queste creature, e soprattutto quando avrei iniziato a scoprire qualcosa su di loro.

Da dove vengono?Perché fanno quel che fanno?Cosa pensano di ciò che fanno?
Sono queste le cose che mi aspettavo di poter scoprire in Il Dono delle Furie. 
Scoprire i loro pensieri, le loro emozioni e motivazioni, è questo ciò di cui volevo leggere. 
Invece l'autrice si è limitata a darci qualche banale spiegazione, da un personaggio poi che c'entra poco e niente con la storia, che non solo non ha risposto a tutte le domande che mi ero posta, ma che non ha anche risolto un bel niente. 

Unico elemento originale del libro?Le rose rosse donate dalle furie alle loro vittime. Rose che però, oltre ai due protagonisti, non hanno spaventato proprio nessuno, neanche me che mi spavento molto, molto facilmente.

Ed ora parliamo dei personaggi.
Ho odiato Emily. Il modo in cui ragiona, e in cui agisce, sono semplicemente assurdi. 
E' innamorata del ragazzo della sua migliore amica, e se la spassa con lui mentre la povera ragazza è via. Come giustifica il tutto?E' vero amore, lei capirà, lei deve capire. (come se fosse colpa dell'amica e non sua).
E Chase. Non riesco a capire come una persona possa innamorarsi di una ragazza che conosce a malapena, e diventarne ossessionata. Riesco a capire le ragioni per cui le Furie se la sono presa con lui, e lo ammetto, non mi è affatto dispiaciuto per la sua punizione.
Ciò che però non ho capito è perché le Furie abbiano deciso di punire questi due ragazzi, invece di assassini e altre persone che commettono azioni molto molto più cattive.
L'unico personaggio che mi è piaciuto è stato JD, il miglior amico di Emily, che non si meritava assolutamente di esser coinvolto in tutta la faccenda delle Furie.

Il finale è stato abbastanza carino, ma neanche questo mi ha colpito più di tanto. Ogni personaggio ha avuto ciò che si meritava, ma mi aspettavo comunque qualcosa in più. 

Voto finale?2 stelline!Non fatevi ingannare dalla copertina e dal titolo ragazzi, Il Dono delle Furie affronta ogni possibile argomento, ma non quello delle Furie!Fino agli ultimi capitoli ho faticato anche credere che fosse un Paranormal e non un semplice Young Adult!Assolutamente sconsigliato!

2 commenti:

  1. mmh, mi sa che esce dalla mia wishlist, ho letto troppe recensioni negative u.u

    RispondiElimina
  2. Io invece devo ammettere che, contro ogni aspettativa, mi è piaciuto abbastanza questo libro... anche se concordo assolutamente sul fatto che quasi tutti i personaggi (ed Emily per prima) sono assolutamente odiosi e insopportabili, e che avrei gradito veder approfondire molto di più le figure di Ty, Ali e Meg. Chissà, magari nel prossimo libro della serie...!! ^^

    RispondiElimina

Grazie mille per aver commentato il mio post!Apprezzo tantissimo i vostri commenti e cercherò di rispondervi al più presto =)